-->

lunedì 23 novembre 2015

Albano - La Nonna & la mucca pazza.

Per gli 85 anni di mia Madre, la Nonna, le ho fatto un regalo, una sorpresa,  l'ho portata a vedere il concerto di Albano,  tenutosi nel 2015 a Torino.

Inutile dire, la gioia della Nonna, difficile non compararla a quella dei miei figli per le sorprese, ma si sa, che vecchi e bambini, in queste cose si assomigliano.
Comunque l'esibizione di Albano è stata molto bella, io con i miei 58 anni sembravo un giovane pivello, rispetto all'età del pubblico medio in sala, più o meno, vicina a quella della Nonna.
Davanti a me tre giovanissimi, a rompere la media, sui 30 anni che le cantavano tutte, all'intervallo curioso come una suocera, chiedo ragguagli, rischiando ... ma siete parenti? No , mi dicono.  
Io , che sono di natura, un poco imbecille, dico... Ah siete un gruppo Dadaista, che viene a vedere Albano... viene fuori , che sono il Fun Club, di Albano . Presidente,  Segretaria e Tesoriere...  Simpatici, facciamo amicizia, poi ritorna Albano e si riprende, ma questa volta non canta e la mette sul discorso presentandoci, Pino Aprile un suo Amico, uno Scrittore.






Albano ci presenta Pino, definendolo un genio, gli lascia la parola... ora Pino Aprile, parte per un discorso sulla Musica, che è fantastico, affascinante e soprattutto molto particolare. Analizza le origini della musica del Sud e della sua influenza a livello Mondiale, in particolare sulla musica Nera Americana. Un discorso bellissimo, pieno di riferimenti culturali ma fluido e comprensibile, siamo tutti incantati, quando sul più bello, alcuni "Albanisti" convinti, iniziano a rumoreggiare, richiamando dopo un poco a gran voce il loro Idolo... peccato, mi è  dispiaciuto, peccato per Albano che ha provato invano a calmarli,  peccato, perché sarei rimasto ore& ore a sentire Pino Aprile, ha ragione il suo Amico Albano, Pino Aprile è un genio.
Ora consiglio ad Albano, lui che può, di preparare uno spettacolo, con Pino Aprile, insieme, dove lui fa un po meno il vero Albano e più quello che vuole essere,  dove, Pino Aprile, possa  raccontare senza essere interrotto, io penso che la gente verrebbe a vederlo uguale, rivolgendosi ad un target leggermente diverso, una cosa un poco più di nicchia, 40/50enni che  potrebbero gradire questo genere  di proposta.

Poi ad un certo punto ho perso la Nonna, quella monella e riuscita a passare i controlli e ha beccato Albano, che le ha fatto tanto di dedica autografa, poi lo ha anche importunato chiedendogli "Ma perché hai lasciato Romina?" Albano che è un bravo uomo, sa che tutte le vecchiette gli chiedono questa cosa, ha fatto un sorriso dei suoi, e ha glissato... Quando è uscita la Nonna aveva gli occhi di una bimba... felici e sorridenti.
Ma ora il commento all'opera da parte di Alfio.


 Alfio Fissavo  


 Born Ready Critic & Curator


After Dead Services 4 Digital Identity Perpetuation.

Carissimi bentrovati, 
Opera complessa, un trittico contenente diversi significanze derivate dai fatti appena raccontati da Flavio.
Sulla sinistra dell'opera , appena sotto il Segno del QR Code, contenente il puntatore al sito del pittore, troviamo un Quadro-File che è stato realizzato insieme a sua madre.  Praticamente il pittore ha contaminato, una realizzazione floreale classica della madre, attraverso una sua elaborazione del tema floreale che la contiene. Ricordiamo che anche la Madre del pittore dipinge su ceramica, stoffa, tele e frequenta ancora una Scuola di Pittura, settimanalmente. Sicuramente il pittore ha posto il quadro nel contesto, per significare la presenza sua e della madre da lui accompagnata all'esibizione. 
 Albano è rappresentato, con pochi segni che tracciano  il suo Capello e la sua Sciarpa, appoggiati su un appendiabito, davanti al microfono.  Lui non è presente ma ci sono i suoi simboli a rappresentarlo. Sul lato destro, la raffigurazione della "mucca pazza",  riferimento a quella parte di fans di Albano che hanno interrotto, la performance di Pino Aprile.

Richiedendo a gran voce Albano, ed impedendo cosi allo stesso artista, di tentare nuove strade, ma riportandolo a personaggio che loro amano, e che lui simboleggia attraverso appunto, Cappello e Sciarpa.

Questo Quadro-File, in un qualche modo racconta anche del rapporto non semplice e facile, che gli artisti hanno con il loro pubblico, che come una "mucca pazza" richiede ossessivamente la ripetizione di quelle che sono le icone, e i simboli dei ricordi legati a quel tipo di artista, impedendone a volte l'evoluzione verso altro.

La caratteristica dell'opera, è la grandezza che può raggiungere l'originale, stiamo parlando di un'opera le cui dimensioni arrivano a 4m H x 5m W.
Vi lascio, sperando, di avervi portato ancora una volta dentro, i particolari più nascosti del percorso d'arte di Flavio Fassio.
Grazie Alfio Fissavo.

Ringrazio Alfio, per la capacità di analizzare le mie opere, meglio di me, mi lascia sempre stupito questo suo dono , ma si sa che lui e Ready Born Critic & Curator. Vi ricordo che con il nuovo Blog, potete, condividere il seguente post, con amici, via mail, via Facebook, Twitter, G+, Pinterest, sperando che usiate questa caratteristica per sharing, vi saluto.

Grazie per l'aiuto, Flavio.


                                                                    Flavio Fassio    
                   pittore - inventore - blogger

               Ricerca nuovi territori 
attraverso                                                               Storielle Visive.

Dipinge Video come un tempo i    Pittori le tele o i muri.



 Clicca sulle mie Identità Digitaliplease Seguimi...                                                                                                    

   Site.     Page FB.       Canale YouTube.      About.me        Medotcom                                
Condividi Questo posto sui Social tramite la barra sotto   Grazie!!!
© Ceci n'est pas un "Quadro". | Powered by Blogger | Design by Enny Law - Supported by IDcopy