-->

sabato 10 settembre 2016

Postille di lacca "Preventiva".

 
Titolo: Colonna portante dipinta con la tecnica dalla Pittura di Trasformazione variante al mare, da Flavio Fassio
Poesia non titolata, anzi poesia senza titolo alcuno.
N.B. La poesia in questione non ha nessuna attinenza con il materiale visivo presente in questo articolo,  per cui è da ritenersi avulsa rispetto a qualsiasi interpretazione o critica che tentasse di vederne una sorta di correlazione.

Purpurri di cosce fritte
per ornire che è un ornare, in morire
essendo le cosce distaccate da un cadaverico corpo d'animale prima vivo e vegeto e deambulante sulle sue cosce.

Ma non c'è odore di melassa
se la tira e se la spassa ma chi?
oggi come oggi se la spassa chi è fuori dalla logica maistream
come spiega l'ermeneuta che mai favella, se non su youtube.
Turlupinami così finche puoi
perchè poi ti toglierò il tempo, in morire
l'idea di te che si fa piccola e microscopica fino già a sparire nel nulla cosmico della tua insulsa metafora.

Non c'e' trucco non c'e' inganno
per il campione d'incassi ma chi?
c'é gente disposta a pagare per scrivere cagate equivalenti
ma io son normodotato di natura allo scopo.

Senza quasi saper che in fondo è solo una quastione estetica
una casuale scelta di metrica, in morire per tutto il resto devi lasciarti andare e accogliere il demiurgo
come fossi l'ingresso di un porto infinito , quasi un porto canale con due ingressi e due uscite.

Razza di zecca se vuoi ho sognato Su un grande e bianco cavallo di chi? sono braccio che tende arco e lascio andare da tempo
ma riesco ancora a sentire la cartapesta delle maschere sotto la pelle del viso.

Tutto cio ha il senso del mio egoismo
ma da questo punto di vista si risolverà, col morire
solo dopo avere catturato il fratello del bianco coniglio.

 Superando il discorso dei questa poesia, limitata e avulsa tornerei a proporvi dal mio personale account #Instagram @flaviofassio
il lavoro elaborato sulla Colonna.



La colonna è portante quando non è solitaria stile. #TORINO #DIGITAL #art #transformation #pittura #UnArteAltraPuoInItaly #igerstorino #surf #surfing #wave #snowboard #surfart #ig_piemonte #tao #jing #jan #maker #sogno #windows #lifestyle #love #picturesque #positivevibes #goodfellas #dreams #dreamer #surf 😎 😎 😎
Una foto pubblicata da Flavio Fassio (@flaviofassio) in data:


Alfio Fissavo  Born Ready Critic & Curator.

Bentrovati carissimi, oggi senza assolutamente prendere in considerazione la poesia avulsa e senza titolo presente in questo post, volevo spendere due parole per commentare la componente visuale corrispondente a "Colonna".

Siamo di fronte un'opera inserita in un contesto di "fuoripista", fuori dalle tracce e dai canoni classici e ci troviamo sulla usta di un confronto con la complessità di un pensiero artistico quello di Flavio Fassio, che questa volta sembra nascondersi più che mai tra le righe.


Il titolo: Colonna è già di per se contraddittorio perché in realtà noi vediamo due colonne, inserite dentro quello che sembra essere un sistema di supporto a controllo delle oscillazioni.

La frase  La colonna è portante quando non è solitaria stile.

Sembra essere quanto più possibile la traccia della soluzione di un rebus, che Flavio ha abilmente architettato.


Flavio, interpreto che voglia ricordarci che la "Colonna" svolge la sua vera funzione quando è sottoposta al sostegno di un carico, divenendo cosi "Colonna Portante". Il fatto che Flavio non presenta la Colonna solitaria, ma la inserisce all'interno di un sistema composto da altri soggetti. Dipingendo e trasformando la seconda colonna e il sistema di supporto alle vibrazioni, è una chiara indicazione alla predilezione per un lavoro di gruppo. Forse la pittura contemporanea e in particolare la multimedialità nell'arte che Flavio da qualche anno frequenta. L'hanno definitivamente convinto a uscire dalla solitudine dello studio, "Solitaria Stile" per cercare di aprire la possibilità a nuove collaborazioni.
Da un'altro punto di vista, leggo dentro quest'opera l'influenza dei tragici fatti di Agosto e del disastroso terremoto del centro Italia.

Qui c'è un chiaro riferimento nell'opera di Flavio a un concetto di #Prevenzione strutturale dell'esistente. La quotidiana osservazione della realtà e la trasformazione del tutto in visioni prospettiche innovative, permette a Flavio di portarci per mano attraverso i suoi racconti visivi nella Contemporaneità.


Per seguire facilmente il lavoro di Flavio Fassio il modo più semplice è quello di sottoscrivere la sua Pagina FaceBook qui:

https://www.facebook.com/FlavioTrasformazione/ 

Post più recente Post più vecchio Home page
© Ceci n'est pas un "Quadro". | Powered by Blogger | Design by Enny Law - Supported by IDcopy