-->

domenica 21 giugno 2015

Un omaggio a Papa Franceso che oggi è a Torino, attraverso una nuova forma d'arte, da me inventata.


Titolo: Papa Francesco post Bacon   Realizzato con la Pittura di Trasformazione Misure & Materiali da definire a scelta.

Oggi proprio adesso, il Papa è a Torino, ho cercato in questo periodo di farmi ascoltare dalle Associazioni Culturali, dalle Gallerie, dalle Fondazioni, ai Politici e anche i Religiosi della mia città. Perché ho realizzato questa opera che sopra vedete, un Quadro-File del Papa Francesco raccolto in preghiera, insieme hai suoi Cardinali, davanti al Trono di Pietro. Ho rotto le balle a un sacco di gente, solo per il fatto che avrei inventato una nuova forma d'arte, mi scuso un poco ma spero capiate il mio punto di vista.

Nessuno oggi mi ha ascoltato, almeno qui a Torino, solo il Prof. C.Strazzèri, si è accorto di questo mio lavoro, e del Video in HD Quality con Musica che ho ricavato dal mio Quadro-File, sotto vi allego il Video, e dopo il racconto visivo l'analisi del Prof. Cosimo Strazzéri.





Cosimo Strazzéri
 DIRIGENTE SCOLASTICO presso Ministero Istruzione, Università e Ricerca. STORIC  DELLA LETTERATURA. CRITICO D'ARTE Top Contributor su Arte, mercanti e Artisti del Social
     Caro Flavio, devo dire che i tuoi video sono sempre più simpatici e accattivanti. Per venire all'intuizione artistica      che ci proponi, io credo che tu abbia dato, molto sinteticamente, ma in maniera molto efficace, una risposta (lo        dico senza polemica) ad Anna che considerava sbagliato "alterare l'opera d'altri, specie se passata alla storia",        chiedendosi a che servisse "stare ore in studio, impegnare la propria vita per dire e fare quello che è nato con lo     spirito creativo di altri". Come dimostri mirabilmente tu, col tuo video e la tua opera, questa attività serve, poiché  ci  permette di mettere a confronto diverse sensibilità rispetto al medesimo soggetto. Quando Bacon riprende  nel  1953 il ritratto di Innocenzo X dipinto da Velazquez quasi tre secoli prima, ovvero nel 1650, non compie  un'opera  di imitazione o di banale ripresa, ma una vera e propria trasformazione del soggetto a cui si è ispirato, che non è  fine a se stessa ma serve a mettere in evidenza il diverso rapporto di Bacon con la religione e la Chiesa Cattolica,   in una fase storico-culturale completamente diversa. In sintesi, siamo di fronte ad un processo di      risemantizzazione, che parte da una differente interpretazione della storia, compiuta "a posteriori" e non  sincronicamente. Lo sguardo di Bacon è differente da quello di Velazquez poiché ci sono di mezzo l'Illuminismo, la  Rivoluzione Francese, il Marxismo, il Cubismo, il Surrealismo, la Psicanalisi. Mentre Velazquez presenta il viso  serio e determinato del sovrano di una Chiesa intenta a combattere la Riforma Protestante e la Minaccia Turca (che sarà sventata solo nel 1571, ovvero ventuno anni dopo con la battaglia di (Lepanto), Bacon ci mostra la  deformazione e la trasfigurazione del medesimo soggetto, che rende bene l'idea della crisi dei valori religiosi    tradizionali negli anni del secondo dopoguerra in cui si affannava una Chiesa che aspettava la sua rinascita con  Papa Giovanni XXIII e il Concilio Vaticano II. Ciò che manca nel quadro di Bacon, infatti, è la speranza in un  rinnovamento della Chiesa, vista anche questa volta come istituzione, ma da un  punto di vista rovesciato, cioè  negativo. Nella terza interpretazione, appena realizzata dal nostro carissimo  
   Flavio, la gabbia oscura che inghiottiva quasi il papa urlante di Bacon diventa una meravigliosa emanazione di    luce dorata, che illumina un  trono vuoto. Perché vuoto? Perché Papa Francesco (che Dio lo benedica) non sta    più sul trono, ma in mezzo alla  gente, portando a compimento il processo di rinnovamento della Chiesa iniziato    da Papa Giovanni XXIII.  Riprendere le opere di altri artisti del passato non è inutile, quindi, se è finalizzato ad    una interpretazione. Certo,  se un artista senza idee inaugura una serie di "Omaggi a...", in cui presenta le opere    dei colleghi più famosi che  l'hanno preceduto, per giunta dipinte peggio, si tratta di un lavoro inutile. Ma questo  non mi sembra il caso né di  Bacon, né di Fassio: qui c'è ricerca, c'è vocazione, c'è desiderio di capire,   interpretare e spiegare. C'è "visione",  insomma. Onore al merito, caro Flavio, sei riuscito a stupirmi...


Ecco ancora oggi quando leggo le parole del Prof. C. Stazzèri mi emoziono per come è riuscito a leggere quelle che sono le mie idee alla base di questo Quadro e del Video. Posso solo ringraziarlo della sua capacità di analisi e del suo bellissimo gesto gratuito nei confronti della mia arte.
Questo Video, mi piace anche per la sua capacità di tirare come un ponte, tra vari secoli di arte, oltre all'analisi storica sopra effettuata dal Prof, C.Strazzèri, vi allego un piccolo collage che ho realizzato allo scopo di rendere "Visivamente", il periodo storico analizzato è i vari atteggiamenti Papali, nei confronti del Trono di Pietro.

Patchwork temporale che evidenzia il diverso rapporto dei Papi col Trono di Pietro.
Seguite la mappa temporale attraverso la descrizione storica del Prof. C.Strazzèri,

divertitevi con l'arte a viaggiare nel tempo, io penso che la Multimedialità, possa essere usata per meglio comprendere in senso compiuto attraverso l'arte, il mondo che c'è stato, e la contemporaneità, forse capire come i pittori hanno interpretato la storia può servirci ad affrontare in modo migliore il Futuro.

Sono convinto che un utilizzo della rete, dei social e del digitale in questa modalità non dispiacerebbe, al Prof. Uberto Eco.

Ritratto di Papa Innocenzo X dipinto da Velazquex.

Uno dei moltissimi Ritratti che Bacon Derivava dallo studio di Velazquez (la serie dei Papi Urlanti) Dipinto da F.Bacon.


Il video che vi ho allegato si può vedere grande come su uno schermo cinematografico, vorrei poterlo proiettare su un muro Storico di una delle nostre belle città Italiane. Chissà se c'è qualche persona disposta ad aiutarmi in questo mio progetto, di arte Pubblica e Sociale. Per permettere a tutti di guardare al concetto di "Quadro" da un'altro punto di vista.

In fondo sarei anche il primo pittore al mondo capace di dipingere Video musicali in HD Quality a mano libera, chissà se c'è qualche persona che vuole aiutarmi a rendere conosciuta questa nuova forma d'arte?

Io continuo la mia strada in due anni penso di avere realizzato molto, ho inventato una nuova tecnica di pittura, realizzando l'idea di dipingere video e raccogliendo tutte le mie nuove idee di arte e tutto quello che creato nel mio nuovo progetto: Ceci n'est pas un "Quadro".


Nel caso vi interessasse approfondire e sostenere la mia ricerca d'arte puoi esprimere il tuo supporto dando un like alla mai Pagina Facebook: 
https://www.facebook.com/FlavioTrasformazione/

Se invece ti piace navigare alla scoperta di tutte le mie molteplici modalità di produrre arte che ha superato il concetto di "Quadro" qui nella mia Pagina Personale pui trovare tutte le mie diverse identità d'arte in rete, attenzione che essemdo una nuova forma d'arte c'è moltissimo materiale.




Flavio FASSIO on Page.is

My social accounts and links I'd like to share are all here, at one Page

© Ceci n'est pas un "Quadro". | Powered by Blogger | Design by Enny Law - Supported by IDcopy