-->

martedì 23 giugno 2015

Risposta al Prof. U. Eco, con l'aiuto del Prof.R. Maragliano, i miei dati e il mio disegno.


Pìccolo collage disegnato a mano direttamente al computer raffigurante una foto del Prof. Eco, una Moltidudine di Imbecilli che usano la rete tra i quali, probabilmente anche io.



Il Prof. Umberto Eco, pressato dai giornalisti ha fatto qualche dichiarazione non proprio degna della sua fama, accomunando in un discorso un poco confuso, gli imbecilli, lo scemo del villaggio, le bufale di internet  ma più che altro, ha sottolineando una sua completa mancanza di conoscenza di certi meccanismi dei Social ed in generale a dato secondo me, un'idea vecchia delle opportunità che la rete offre.

 Io sono un suo grande "Ammiratore/Lettore",  penso che questo suo atteggiamento sia una mancata possibilità di aiuto, verso tutti coloro, che invece si impegnano quotidianamente per fare della rete anche un luogo di cultura, dove si possano fare anche discorsi impegnati o almeno provare a ribellarsi a certe Imbecillità.

Spero con questo mio piccolo contributo, di portare al Prof. U.Eco elementi concreti, dati e numeri che in qualche modo possano farlo riconsiderare il problema.
Naturalmente Eco, nelle sue dichiarazioni a detto anche tutta una serie di cose intelligenti e argute che i giornali non riportano, quindi seguendo il suo consiglio di vagliare bene le fonti, mi avvalgo della Tecnologia e della Rete ( Alle volte fa comodo!!!) per permettervi di guardare in modo autonomo e dalla sua viva voce all'origine della polemica.




Cercando in rete, tra le varie Risposte, mi sembra che la più pacata e quella che secondo me è la migliore sia quella di un'altro accademico  il Prof. Roberto Maragliano, impeganto seriamente da anni ad usare la rete per scopi Culturali, sentite quello che dice nel filmato allegato.



 

Come ulteriore contributo che , vi riporto dei dati di accesso dal mio Blog d'arte:

Ceci nest pas un "Quadro"

che sta registrando una crescita abbastanza importante, i dati sono interessanti perché delineano un quadro abbastanza non conosciuto e che molti , per primo  Eco, equivocano perché pensano appunto che i social siano solo  utilizzati per futilità, questa è la dimostrazione che cosi non è.



Ecco questo è il trend del mio Blog, d'Arte che illustra il mio progetto:
Ceci n'est pas un "Quadro".
Come potete vedere nell'ultimo periodo, diciamo da Maggio/Giugno è letteralmente decollato l'interesse. 

Sapete, perché? OK ve lo dico, non è un segreto,  ma ho semplicemente;

collegato il mio Blog al mondo Social,
in particolare i tanto vituperati Twitter e FaceBook citati dal Prof. Umberto Eco, ma anche a LinkedIn, Pinterest, G+, e naturalmente YouTube .

Alla fine del discorso vorrei che il Prof. Umberto Eco sottraesse dalle sue "Moltitudini di imbecilli" le mie 1506 visualizzazioni mensili, essendo evidentemente queste non navigazioni di imbecilli , ma solo utenti normali di Twitter e di FaceBook, LinkedIn, Pinterest, G+ e YouTube,  gente normale Italiani, che alle volte sono  anche interessati  all'arte.

Io mi occupo di arte Pubblica e Sociale
per un nuovo rinnovamento dell'arte contemporanea , incentrato sulla ricerca del senso, del significato e di uno scopo utile


Pìccolo collage disegnato a mano direttamente al computer raffigurante una foto del Prof. Eco, una Moltitudine di Imbecilli che usano la rete tra i quali, probabilmente anche io.








© Ceci n'est pas un "Quadro". | Powered by Blogger | Design by Enny Law - Supported by IDcopy